Chiese, Santuari, Conventi

Cattedrale di Sibenik, in Croazia

I Croati hanno aderito al cristianesimo nell’VIII secolo e presto hanno iniziato a costruire chiese nelle quali si vede chiaramente la dedizione all’opera pubblica, ritenuta da sempre l’apporto più significativo offerto dall’edilizia croata a quella europea. Dall’Istria a Dubrovnik si sono conservati esempi meravigliosi di questo genere di costruzioni: S. Donato (isola di Krk), S. Salvatore sul Cetina, S. Croce (Sv. Kriz) a Nin, S. Donato a Zadar, SS. Trinità (Split), S. Demetrio (Konavle). Le chiese costruite nei periodi successivi rispondono alle caratteristiche di stile del periodo a cui appartengono. Sono stati raggiunti altissimi livelli artistici ed architettonici: la cattedrale di Trogir, la cattedrale di S. Trifone (Kotor, oggi in Montenegro), la cattedrale di Split (ricostruzione del mausoleo di Diocleziano del IV sec.). La Basilica eufrasiana di Porec (Parenzo) del VI secolo con i suoi mosaici dorati e la rinascimentale cattedrale di Sibenik sono sotto la protezione dell’Unesco.
Non meno belle sono la cattedrale rinascimentale di Hvar e la chiesa-fortezza di S. Maria a Vrboska. Alcune città sono proprio caratterizzate dalla presenza di chiese che ne sono il simbolo: i quattro campanili a Rab; S. Donato, insieme alla cappella di Carlo Magno, è l’edificio sacro più grande d’Europa nel IX secolo; S. Anastasia e S. Simeone a Zadar; le cattedrali di mattoni rossi a Dakovo e a Osijek.

La cattedrale di Dakovo, in CroaziaNella parte continentale del Paese numerosi gli esempi di campane completamente realizzate in rame che ci rivelano esplicitamente la ricchezza dello stile barocco. Molte chiese in Croazia sono dedicate alla Beata Vergine Maria; fra queste, per il suo eccezionale e ricco barocco, spicca quella di Santa Maria della Neve a Belac.

I santuari dedicati alla Beata Vergine sono invece i seguenti: Santa Maria di Bistrica (Majka Bozja Bistricka), Santa Maria di Trsat, la Madonna di Sinj, la Madonna dell’isola a Solin, la Madonna di Vocin, la Madonna della Consolazione a Aljmas, la Madonna di Remete, la Madonna di Gerusalemme. Soltanto due santuari in tutta la Croazia non sono dedicati alla Madonna: a Ludbreg il Santuario del Preziosissimo Sangue di Gesù e quello di S. Giuseppe a Karlovac.

Le mura dei conventi benedettini, paolini, francescani, domenicani e gesuiti, custodiscono gran parte dell’eredità della cultura croata, delle scienze e dell’arte.